TUTTO GIAPPONE 4

Osaka > Okayama > Kotohira > Tokushima > Osaka

Partenze a date fisse, guida multilingue in italiano.

1° GIORNO - ITALIA > OSAKA
Benvenuti a bordo.

2° GIORNO - OSAKA
Arrivo ad Osaka, seconda città del Giappone, ma la più importante dal punto di vista commerciale e della moda. E’ anche detta la “capitale della buona tavola”: sarà bene tenerne conto durante il soggiorno. Tempo per il relax, prima di concedersi una “buona cena”.

3° GIORNO - OSAKA > OKAYAMA
(colazione, pranzo)
Alla scoperta di Osaka con una esperta guida che parla italiano, per una mezza giornata di visita della città, a piedi o utilizzando mezzi pubblici, che riserva splendide sorprese. La prima ad essere raggiunta è la zona di Dotonbori, autentico paradiso per lo shopping, per poi spostarsi al Castello di Osaka, uno degli edifici più famosi e importanti del Giappone, costruito nel XVI secolo. Sorprendente la visita dell’Osservatorio del giardino galleggiante con una galleria all’aperto a 173 metri da terra. Alle 14 in punto la grande emozione dello Shinkansen, il treno ad alta velocità, detto anche “treno proiettile”, capace di superare i 440 chilometri all’ora: non ci sono sale di attesa nelle stazioni, perché è sempre in orario. Destinazione Okayama, dove si visita il Korakuen, uno dei tre più famosi giardini del Giappone. Si estende per 14 ettari ed è stato realizzato nel 1700, in raffinata armonia con l’ambiente circostante, colline e montagne, dove con l’alternarsi delle stagioni fioriscono aceri, pruni e ciliegi. Nel Korakuen ci sono case del tè, laghetti, prati, cascate e una rete di sentieri per piacevoli passeggiate. I bagagli verranno trasportati da Osaka direttamente a Kotohira. Prevedere quindi una borsa a mano con il necessario per la notte a Okayama.

4° GIORNO - OKAYAMA > KOTOHIRA
(pensione completa)
Risveglio senza affanni, con calma, prima della partenza per Kotohira, accompagnati da una guida che parla italiano. Kotohira è una piccola cittadina che si visita a piedi, un paese tranquillo di circa 10 mila abitanti, con case basse e strade silenziose. La visita comincia dal santuario shintoista di Konpiragu shrine alla cui sommità si arriva superando molti scalini: chi li ha contati dice siano 687. C’è comunque un servizio di portantini a pagamento, per chi non vuole o non può affrontare la fatica. Il padiglione considerato più interessante è l’Emado, pieno di modellini di navi portati qui come offerte votive da marinai desiderosi di assicurarsi protezione divina per i loro viaggi. Poi sarà la volta del Kinryo-no-Sato, il museo del Sake, la bevanda alcolica tipica del Giappone ottenuta da un processo di fermentazione del riso. Per questo motivo viene anche chiamato "vino di riso”. La notte sarà in un ryokan, albergo tradizionale giapponese, un’esperienza da fare: riti antichi e affascinanti, sorrisi, attenzioni. È anche una sorgente di acque termali.  

5° GIORNO - KOTOHIRA > IYA > TOKUSHIMA
(colazione, pranzo)
La natura delicata e selvaggia del Giappone. Si parte in treno per Iya, sempre con una guida che parla italiano. All’arrivo crociera lungo il fiume Yoshino lungo la stretta gola di Oboke, abbracciata da un bellissimo scenario naturale. Natura ed avventura. Perché si attraversano i ponti sospesi Oku Iya Kazurabashi ai piedi del monte Tsurugi, la seconda cima più alta dell'isola di Shikoku con i suoi 1995 metri: i ponti di liane sono due e vengono chiamati "il marito" (quello più lungo) e "la moglie" (quello più corto). Al termine trasferimento a Tokushima, famosa per il festival di danza Awa Odori Kaikan, dove si assiste ad uno spettacolo.

6° GIORNO - TOKUSHIMA > AWAJI ISLAND > OSAKA
(colazione, pranzo)
Nella prefettura di Tokushima ci sono 23 degli 88 templi che compongono l’insieme del pellegrinaggio di Shikoku, un percorso ad anello sulle orme del bonzo Kobo Daishi, il fondatore del buddismo Shingon. Si visitano il tempio numero Uno, il Ryozen-ji, ed il tempio Gokuraku-ji. L’intero percorso degli 88 templi è di circa 1200 chilometri e per completarlo richiede fra i 60 e i 90 giorni. Dopo pranzo, passeggiata lì dove sorge il ponte Ohnaruto, lungo quello che viene chiamato Uzu-no-michi, il “cammino dei vortici”. Trasferimento in autobus ad Osaka.

7° GIORNO - OSAKA > ITALIA
(colazione)
Il santuario Sumiyoshi Taisha, l’Acquario, gli Universal Studios, il Museo di Storia o il Centro per la Pace che documenta gli orrori della Seconda Guerra Mondiale. Sono tante le suggestioni offerte da Osaka per chi abbia voglia di curiosare e di conoscere. Giornata a disposizione, piena libertà fino al momento di raggiungere l’aeroporto.

8° GIORNO - ITALIA
Bentornati a casa.

Durante i trasferimenti, tutti previsti con mezzi pubblici, non è presente una guida/accompagnatore. Il 3° giorno è prevista la spedizione a Kotohira di un bagaglio per persona, eventuale secondo bagaglio pagamento in loco (10 Euro circa).


TI POTREBBE INTERESSARE


TUTTO GIAPPONE 1
LA FRONTIERA DEL SOL LEVANTE
Tokyo > Kyoto
La favola delle geishe, la raffinatezza dei templi e la storia millenaria di Tokyo: un altro mondo.

Partenze a date fisse, guida multilingue in italiano.
TUTTO GIAPPONE 2
KIMONO, GEISHE E SUSHI
Kyoto > Kanazawa > Shirakawa-go > Takayama > Tokyo > Hakone > Tokyo
Maiko a spasso per Ginza, le antiche tradizioni dei contadini di Shirakawa-go e la grande metropoli: il Giappone autentico è qui.

Partenze a date fisse, guida multilingue in italiano.
TUTTO GIAPPONE 3
UN IMPERO FRA STORIA E DOMANI
Osaka > Kyoto > Arashiyama > Kyoto > Nara > Kyoto > Tokyo
Oltre al fascino di Kyoto, la foresta di bambù di Arashiyama e Nara, patrimonio dell'Umanità.

Partenze a date fisse, guida multilingue in italiano.

OFFERTE IN EVIDENZA

PENSATI PER TE




ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Autorizzo il trattamento dei dati personali ai sensi della L. 196/2003