IL TRIANGOLO D'ORO E LE ANTICHE CAPITALI

Bangkok > Chiang Rai > il Triangolo d'Oro > le donne Karen > Chiang Mai > Sukhothai > Ayutthaya > Bangkok
Un programma con guida in italiano in esclusiva per i clienti Mappamondo.

Partenze garantite da Bangkok ogni mercoledì e venerdì, solo il venerdì ad aprile, maggio, giugno, settembre e ottobre.
E' prevista la pensione completa.

1° GIORNO - BANGKOK > CHIANG RAI
(cena)
Il volo da Bangkok a Chiang Rai dura soltanto un’ora. Prima di arrivare in albergo si passa vicino al tempio Wat Rong Khun: sosta per visitarlo.
Qualche ora di relax e pomeriggio alla scoperta di Chang Rai: fra i templi più interessanti, il Wat Phra Keow che nel XIII secolo ospitava la statua del Buddha di Smeraldo oggi conservata a Bangkok, e il Wat Phra Sing, raffinato esempio dell’architettura religiosa Lanna.
Divertente giro in risciò e sosta al mercato.

2° GIORNO - CHIANG RAI - IL TRIANGOLO D’ORO
(cena)
E’ il giorno del Triangolo d’Oro, un luogo diventato mitico. E’ dove si incontrano i confini di tre paesi Thailandia, Laos e Myanmar: immancabile e suggestiva foto ricordo con il Mekong che scorre sullo sfondo. Prima di arrivarci, breve tour con il giardino botanico Mae Fah Luang, a 1512 metri di altezza, e la Villa Reale della regina madre, un incrocio architettonico fra gli chalet svizzeri e il tipico stile Lanna.
Un breve tratto di strada fino a Mae Sai, piccolo centro commerciale nel punto più a nord della Thailandia, al confine con il Myanmar: quattro passi al mercato e proseguimento lungo il Mekong fino al Triangolo d’Oro. 
A fine giornata si arriva a Chiang Saen antica capitale del nord: il tempio Wat Phra Dhat Jom Kitti, con i suoi 383 scalini, e il Wat Jedi Luang con il vicino museo.

3° GIORNO - CHIANG RAI - DONNE KAREN > CHIANG MAI
(pensione completa)
Presto al mattino partenza per Ban Pa Tai, navigazione in barca sul Mae Kok fino a Ban Ta Ton.
Visita ad un piccolo villaggio Karen, sulle colline vicino al confine con il Myanmar, dove vivono le “donne giraffa”. La tribù dei Padaung, originaria della regione Kaya in Myanmar, si stabilì in Thailandia dalla metà degli anni 90. Le donne Padaung sono conosciute per la forma allungata del collo dovuta ai numerosi anelli di metallo che, per tradizione, indossano dall’età di 5/6 anni.
La leggenda racconta che il dio del vento si innamorò della femmina di un drago: la inseguiva nella giungla e lungo i fiumi, con il suo soffio gentile la riscaldava se aveva freddo e la rinfrescava quando sentiva caldo. La corteggiò a lungo, finchè anche lei venne travolta dalla passione e dal loro amore nacque Ari, la prima “donna giraffa”.
Una tempesta annunciò il parto e l’arrivo della piccola, avvolta nelle foglie di banana e con i cerchi di ottone al collo. Coraggiosa fin da bambina, così simile alla madre, tenera e feroce.
La stirpe cominciò in questo modo: e da allora, per somigliare alle femmine dei draghi, le donne Paduang decisero di ornare il collo e di sistemare tra volto e torace un’infinita sinfonia di cerchi di ottone, inseguendo un canone di bellezza che costringe ad aggiungere ogni anno un nuovo anello, in una gara contro l’impossibile che spinge la testa fra le nuvole e trasforma le ragazze in “donne giraffe”.
Nel tardo pomeriggio si raggiunge la montagna Doi Suthep, a Chiang Mai, in cima al quale sorge il tempio Prathat Doi Suthep, da dove la vista è spettacolare.
Costruito nel 1383, il tempio si raggiunge salendo i 290 gradini di una scalinata a forma di serpente.

4° GIORNO - CHIANG MAI
(pensione completa)
Giornata dedicata alla natura: prima la foresta, dove si possono osservare gli elefanti al lavoro e poi una coltivazione di orchidee, ambiente fresco e rilassante per il pranzo.
Nel pomeriggio sosta al villaggio di Sankamphaeng, famoso per i laboratori di artigianato: vengono prodotti qui i tipici ombrellini colorati di carta, si lavorano la seta, l’argento e la lacca.
In serata cena in un ristorante tipico con spettacolo di danze thailandesi delle tribù di montagna. E’ tipico di questa zona il riso glutinoso, chiamato sticky rice, che si mangia con le mani facendo piccole palline da intingere nel sugo piccante nel quale viene cotta la carne. Lo sticky rice è utilizzato anche con i dolci: piace molto insieme al mango. Apprezzatissimo anche affogato nel latte di cocco e ricoperto di caramello.

5° GIORNO - CHIANG MAI > SUKHOTHAI
(pensione completa)
Prospettive magiche, laghetti, statue, templi: questa è Sukhothai.
Lungo il tragitto si fa tappa a Lampang per visitare il Wat Prathat Lampang Luang uno dei più importanti templi del nord della Thailandia.
Seconda sosta a Sri Satchanalai, chiamata Muang Chaliang fino al regno di Phra Ruang, quando fu definitivamente ribattezzata con il nome attuale.
Nel parco storico-archeologico sono state scoperte le rovine di 134 monumenti.
Arrivo a Sukhothai nel tardo pomeriggio.

6° GIORNO - SUKHOTHAI > AYUTTHAYA
(pensione completa)
Pochi posti al mondo hanno il fascino del Parco Storico di Sukhothai, dichiarato dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità.
Sarà la guida a svelare storie sorprendenti.
A Phitsanulok visita del tempio Phra Sri Ratana Maha Dhat che ospita una delle più belle statue del Buddha mai scolpite: Phra Buddha Jinaraj.
In serata, arrivo ad Ayutthaya.

7° GIORNO - AYUTTHAYA > BANGKOK
(colazione)
E’ emozionante passeggiare fra le rovine dell’antica capitale distrutta dai birmani nel 1767: fra le più suggestive il tempio Mongkol Borphith con il Buddha di bronzo alto 13 metri, il Wat Phra Sri Sanphet e il sito khmer di Wat Chai Wattanaram. Partenza per Bangkok.


TI POTREBBE INTERESSARE


TRAIL DI 7 GIORNI IN THAILANDIA
Bangkok > Khon Kaen > Phitsanulok > Chiang Mai
L'altra Bangkok, in samlor e a piedi negli slum, vivere in famiglia nel villaggio Khampom: a scuola e al mercato a Khon Kaen, “tak bat” con i monaci.

Partenze giornaliere

LE EMOZIONI DI UN VIAGGIO LONTANO DAI LUOGHI COMUNI, UN'ESPERIENZA DA AUTENTICI VIAGGIATORI.
Non vacanzieri ma compagni di strada, non autostrade ma sentieri, non automobili ma bici, treno, canoa, fuoristrada 4x4, trekking e tanto altro ancora.
Un mondo che riporta alle vere dimensioni dei Paesi, al vero volto delle città, ai veri paesaggi della natura.
Un turismo lontano dalle grandi correnti turistiche.
Itinerari tra i mille aspetti della geografia, della cultura, della vita quotidiana di un Paese e del suo popolo, per conoscere, capire e non soltanto fotografare.
ANGKOR WAT - TOUR DI 3 GIORNI
Bangkok > Siem Reap > Angkor Wat > Bangkok
Uno degli spettacoli più straordinari ai quali si possa assistere, Angkor Wat lascia davvero senza fiato.

Partenze garantite ogni mercoledì, guida in italiano
TRAIL DI 8 GIORNI IN THAILANDIA
Chiang Mai > Hmong Hilltribe Lodge > Chiang Saen > Mae Sai > Chiang Rai > Bangkok
In jeep, a dorso di elefante, su un carro trainato da buoi, esperienza di vita nei campi. Un viaggio autentico.

Partenze giornaliere

LE EMOZIONI DI UN VIAGGIO LONTANO DAI LUOGHI COMUNI, UN'ESPERIENZA DA AUTENTICI VIAGGIATORI.
Non vacanzieri ma compagni di strada, non autostrade ma sentieri, non automobili ma bici, treno, canoa, fuoristrada 4x4, trekking e tanto altro ancora. 
Un mondo che riporta alle vere dimensioni dei Paesi, al vero volto delle città, ai veri paesaggi della natura. 
Un turismo lontano dalle grandi correnti turistiche. 
Itinerari tra i mille aspetti della geografia, della cultura, della vita quotidiana di un Paese e del suo popolo, per conoscere, capire e non soltanto fotografare.

OFFERTE IN EVIDENZA

PENSATI PER TE




ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Autorizzo il trattamento dei dati personali ai sensi della L. 196/2003