TUTTO ARGENTINA 3

Buenos Aires > Bariloche > Mendoza > Trelew > Puerto Madryn > Penisola Valdes 
Le balene che saltano nell’oceano, il pigro sonnecchiare di leoni ed elefanti marini, gli occhi saettanti dello zorro ed altre meraviglie.

Partenze giornaliere con guida in italiano/spagnolo

1° GIORNO - ITALIA > BUENOS AIRES
Benvenuti a bordo.

2° GIORNO - BUENOS AIRES
I sorridenti portenos, così si chiamano gli abitanti di Buenos Aires, offrono un’accoglienza calorosa. Come questa capitale elegante e gaudente, fra caffè d’epoca e bistecche. E tango, naturalmente. Tour pomeridiano nella zona coloniale con Plaza de Mayo, la Cattedrale, la Casa Rosada (Casa del Governo). I quartieri di San Telmo e La Boca, una delle zone più caratteristiche della città, con le facciate delle case colorate di mille tinte come le chiglie delle navi che attraccano al porto. E infine, la Recoleta, dove si trovano i bar ed ristoranti più alla moda. Quasi un aperitivo, per chi gradisce, della vivacità della notte. 

3° GIORNO - BUENOS AIRES
(pensione completa)
L’Argentina più vera, una giornata fra gauchos e tango. Emozioni antiche, fondate sulle tradizioni di questo popolo, fiero ed orgoglioso. Mattina e parte del pomeriggio sono dedicate alla “fiesta gaucha” che ha per teatro una estancia, termine con cui viene indicata una estesa proprietà terriera dove si praticano allevamento e agricoltura. Molti di queste sono diventate alberghi e residenze di prestigio, in altre si svolgono dimostrazioni di abilità e di destrezza dei gauchos, uno show folkloristico con musica dal vivo. In serata cena e spettacolo di tango in un locale tipico.

4° GIORNO - BUENOS AIRES > BARILOCHE
(colazione)
Patagonia, regione dei laghi, con vette andine, acque glaciali, nevi. Bariloche è sulla sponda meridionale del lago Nahuel Huapi, è la base per appassionati di trekking e andinismo, scalatori e sciatori. Interessanti gli edifici in legno e pietra, ispirati alle costruzioni alpine. Panorami naturali splendidi. Fondata verso la fine del 1800 da austriaci e tedeschi provenienti dalla provincia di Belluno, Bariloche divenne dopo la fine della seconda guerra mondiale, rifugio di ex gerarchi nazisti: tra loro anche Erich Priebke e Adolf Eichmann. 

5° GIORNO - BARILOCHE
(colazione)
C’è molto di europeo in questa bella cittadina. Perfino nelle scelte gastronomiche: si producono qui ottime birre artigianali e deliziosi cioccolatini. Vita notturna animata, con pub e birrerie, e anche casinò, dove il gioco è accompagnato da musica dal vivo. La visita di Bariloche è piacevole: architetture coloniali, strade molto curate, folta vegetazione fanno da cornice ad una bomboniera di città. 

6° GIORNO - BARILOCHE > MENDOZA
(colazione)
Rotta verso Nord, nella città che è il sogno di ogni alpinista: Mendoza. Si arriva via Buenos Aires, e dunque il trasferimento è piuttosto lungo. All’arrivo, tempo a disposizione per il relax. E per i primi brindisi: qui si produce il 70 per cento del vino argentino.

7° GIORNO - MENDOZA
(colazione)
Platani giganteschi per i bei viali di Mendoza, invogliano a una sosta nei bei bar ombreggiati. Gustando ottimi vini ed in particolare il Malbec, prodotto con un vitigno francese che qui ha dato splendidi risultati. La grande concentrazione di cantine aperte permette di realizzare un tour enologico percorrendo musei, cantine, aziende vinicole, estancias nel cuore della montagna. E ad ogni sosta, ovviamente, possibilità di degustazione. Il pomeriggio è a disposizione. 

8° GIORNO - MENDOZA > TRELEW > PUERTO MADRYN
(colazione)
I pinguini di Magellano, quelli che quando camminano ciondolano un po’, sono alti fra i 50 e i 70 centimetri, pesano intorno ai 5 chili, fra settembre ed aprile abitano a Punta Tombo: si trovano benissimo, in una comitiva di oltre mezzo milione di esemplari, la più numerosa “pinguinera” di tutto il Sud America continentale. Qui si arriva dopo aver preso un volo per Trelew e aver fatto 110 chilometri in macchina. Poi si prosegue per Puerto Madryn. Qualche tratto di strada non è asfaltato, ma è la costa della Patagonia… 

9° GIORNO - PUERTO MADRYN > PENISOLA VALDES > PUERTO MADRYN
(colazione)
Le balene che saltano nell’oceano, il pigro sonnecchiare di leoni ed elefanti marini, gli occhi saettanti dello zorro (il lupo della Patagonia) ed altre meraviglie. La Penisola Valdes è una delle più spettacolari riserve naturali dell’intero continente. Per chi ama le bellezze del pianeta questo è il paradiso dove la terra, il mare ed i suoi abitanti offrono uno spettacolo che non si cancellerà mai dalla mente. Straordinario. 

10° GIORNO - PUERTO MADRYN > BUENOS AIRES
(colazione)
Una notte a Baires, con tempo a disposizione per un po’ di shopping o le ultime visite. Magari a Palermo, quartiere recuperato dall’abbandono e diventato di tendenza. Chi è curioso del mito di Evita Peron può andare al bel Cementerio della Recoleta, il cimitero, dove è sepolta e fare un piccolo viaggio, attraverso le tombe illustri, nella storia argentina. Oppure sedersi al Richmond, storico caffè in stile inglese, dove lo scrittore Jorge Luis Borges amava sorseggiare la cioccolata calda: nel seminterrato si può giocare a scacchi o a biliardo. 

11° GIORNO - BUENOS AIRES > ITALIA
(colazione)
Arrivederci Argentina, comincia il viaggio di ritorno.

12° GIORNO - ITALIA
Bentornati a casa.


TI POTREBBE INTERESSARE


TUTTO ARGENTINA 2
Buenos Aires > Salta > Humauaca > Cafayate > Puerto Iguazù
Dal Brasile all'Argentina: le cascate di Iguazù si possono ammirare da entrambi i paesi, l’effetto è completamente diverso.

Partenze ogni domenica, martedì e giovedì
TUTTO ARGENTINA 1
Buenos Aires > Puerto Madryn > Penisola Valdes > Ushuaia > El Calafate > Perito Moreno > Iguazù 
Dalla capitale del tango alla Patagonia, distese di ghiaccio e leoni marini.

Partenze giornaliere
ARGENTINA E BRASILE
Buenos Aires > El Calafate > Perito Moreno > Trelew > Puerto Madryn > Penisola Valdes > Puerto Iguazù > Rio De Janeiro > Buzios
Partenze giornaliere

OFFERTE IN EVIDENZA

PENSATI PER TE




ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Autorizzo il trattamento dei dati personali ai sensi della L. 196/2003