TUTTO IRAN 1
DIAMANTI E DESERTO

Tehran > Kashan > Isfahan > Naein > Yazd > Pasargade > Shiraz > Persepolis > Necropolis > Shiraz
Un programma in pensione completa e con guida in italiano in esclusiva per i clienti Mappamondo

Partenze giornaliere, minimo 6 partecipanti.
Possibilità di soggiorno in case tradizionali.

1° GIORNO - ITALIA > TEHRAN
Benvenuti a bordo.

2° GIORNO - TEHRAN
(pensione completa)
La visita della città, accompagnati da una guida che parla italiano, comincia dall’Iran Bastan, il museo archeologico dove sono custoditi preziosi reperti delle antiche civiltà iraniche. Si prosegue con il Palazzo Golestan, che nel XVIII secolo è stata la residenza della dinastia reale Qajar: qui si trova il Trono del Pavone, dove avvenivano le incoronazioni. Infine, visita al museo dei Gioielli dove sono esposte incredibili creazioni, spade e scudi ingioiellati, un gran numero di diamanti e altre pietre preziose.

3° GIORNO - TEHRAN > KASHAN > ISFAHAN
(pensione completa)
Direzione Isfahan, a 450 chilometri dalla capitale. Lungo il tragitto, a Kashan, si visita il giardino di Fin, tipico esempio di giardino persiano, dichiarato dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità. Sosta anche alla villa bioclimatica di Borujerdi, costruita nel 1857: da notare le torri del vento, utilizzate per mantenere freschi e areati gli ambienti. Nel pomeriggio arrivo a Isfahan, un’oasi in mezzo al deserto.

4° GIORNO - Isfahan
(pensione completa)
Isfahan, chiamata "l'altra metà del mondo", è considerata la raffinata capitale artistica dell’Iran; raggiunse il suo massimo splendore nel XVI secolo sotto la dinastia Safavide. Nella piazza Naqsh-e-Jahan, per grandezza la terza nel mondo, si affacciano la Moschea dell’Imam e la Moschea Sheikh Lotfollah con raffinate architetture e decorazioni, il Palazzo Reale “Aliqapu” e il vivacissimo bazar. Isfahan è famosa anche per i suoi ponti, tra i più celebri quelli di Khajou e il Sio-Se-Pol, conosciuto anche come il ponte dei 33 archi. La visita prosegue nel quartiere armeno di Jolfa con la chiesa di Vank ed il palazzo Chehel Sotun, detto delle 40 colonne. Nel tardo pomeriggio rientro in albergo.

5° GIORNO - ISFAHAN > NAEIN > YAZD
(pensione completa)
La moschea congregazionale Masjed-è-Jame di Isfahan è un vero museo di architettura islamica, un edificio di grande fascino ed è anche la più grande in Iran. Un tempo tutta la città viveva attorno alla moschea Jame, ma soprattutto era il luogo di raccolta dei fedeli per la preghiera del venerdì. Partenza per Yazd con sosta a Naein per visitare un’altra moschea congregazionale, una delle più antiche dell’Iran, costruita nel X secolo, con decorazioni in gesso. Proseguimento per Yazd, tra i più importanti centri carovanieri medioevali che ha accolto per secoli mercanti e viaggiatori. Anche Marco Polo si fermò qui.

6° GIORNO - YAZD > PASARGADE > SHIRAZ
(pensione completa)
Al margine di due deserti, Yazd fu centro dell’antico culto zoroastriano. Il “Fuoco Sacro” arde ininterrottamente nel tempio Atashkade dal 470 a.C. Un altro sito zoroastriano è a Dakhme, 15 chilometri da Yazd: si tratta delle suggestive “Torri di Silenzio” che si ergono nel deserto e dove gli zoroastriani deponevano i defunti lasciandoli in balia dei rapaci affinché le loro spoglie mortali non contaminassero né terra né aria. La visita prosegue con il palazzo Dowlat Abad e del verde giardino, dove si trova la torre del vento più alta della città. Nel pomeriggio partenza per Shiraz via Pasargade, la prima capitale achemenide dove si visita la tomba di Ciro il Grande, il suo leggendario fondatore.

7° GIORNO - SHIRAZ > PERSEPOLIS > NECROPOLIS > SHIRAZ
(pensione completa)
Un grande viaggio nella Storia. Persepolis è uno straordinario complesso di palazzi fatti costruire da Dario I il Grande a partire dal 512 a.C.: rappresenta il meglio dell’architettura e della scultura delle regioni mesopotamiche. Quindi Naqsh-e-Rostam, la necropoli, il luogo scelto per le tombe dei primi Imperatori. Tornando a Shiraz, sosta alla tomba di Hafez, uno dei maestri della letteratura persiana, al Narenjestan, residenza che è pregevole esempio dell’architettura Qajar, alla Moschea di Nasir-al-Molk, nota come Moschea delle rose, e poi al Grande Bazar.

8° GIORNO - SHIRAZ > ITALIA
Khodahafez: arrivederci Iran. Si torna in Italia.

ESTENSIONE A KERMAN

8° GIORNO SHIRAZ > KERMAN
(pensione completa)
Lago, deserto, montagna, pianura: sono i diversi ambienti naturali dell’altopiano iraniano che si attraversano lungo i 570 chilometri per andare da Shiraz a Kerman. Lungo il viaggio, dopo 217 chilometri, sosta a Neiriz. Dopo il pranzo picnic visita alla moschea mono Iwan più antica dell’Iran. Arrivo a Kerman nel tardo pomeriggio.

9° GIORNO KERMAN > MAHAN > BAM
(pensione completa)
Il complesso di Ganjali Khan di Kerman è un autentico esempio di architettura islamica del XVII secolo. All’arrivo a Mahan visita al Giardino del Principe ed al complesso funerario del XVI secolo con la cupola azzurra del Sufi Nureddin Nemat Allah Vali.

10° GIORNO BAM > KERMAN > TEHRAN
(pensione completa)
A Bam, lungo la via della Seta, visita alla cittadella costruita intorno al 500 a.C. Oggi restaurata, è conosciuta per essere stata la costruzione in mattoni più grande al mondo. Proseguimento per Kerman da dove si vola a Tehran.

11° GIORNO TEHRAN > ITALIA
Arrivederci Iran. Si torna in Italia.


TI POTREBBE INTERESSARE


TUTTO IRAN 2
Il cuore dell'impero
Tehran > Kashan > Isfahan > Yazd > Pasargade > Persepolis > Necropolis > Shiraz

Partenze a date fisse.
Guida in italiano e pensione completa.
TUTTO IRAN 2
Il cuore dell'impero
Tehran > Kashan > Isfahan > Yazd > Pasargade > Persepolis > Necropolis > Shiraz

Partenze a date fisse.
Guida in italiano e pensione completa.
TUTTO IRAN 4
ATTRAVERSO I QUATTRO MONDI
Tabriz > St. Stepanus > Kandovan > Takht-e-Suleiman > Takab > Hamadan > Kashan > Natanz > Isfahan > Naein > Yazd > Pasargade > Shiraz > Persepolis > Necropolis > Shiraz

Partenze giornaliere.
Guida in italiano e pensione completa.
Minimo 6 partecipanti

OFFERTE IN EVIDENZA

PENSATI PER TE




ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Autorizzo il trattamento dei dati personali ai sensi della L. 196/2003