TUTTO MYANMAR 1
LE MILLE PAGODE D'ORO

Yangon > Bagan > Mandalay > Mingun > Amarapura > Heho > Pindaya > Lago Inle
Un viaggio completo nella Birmania dei fedeli, pii e poveri, inginocchiati nel luogo dove si avverano i desideri.

Partenze ogni venerdì, guida in italiano

1° GIORNO - ITALIA > YANGON
Benvenuti a bordo.

2° GIORNO - YANGON
(cena)
La pagoda Shwedagon è uno dei più stupefacenti complessi religiosi mai costruiti: oltre alla quantità ncredibile di oro e pietre preziose incastonate, ci sono i fedeli più fedeli del mondo. Pregano con evozione, con assoluta convinzione, quasi con disperazione e battono la fronte in terra fino a farsi male per testimoniare con il dolore fisico l’intensità del loro credo. La Shwedagon è la visita più importante di questa prima giornata in Myanmar e un’esperta guida che parla italiano saprà illustrarne la storia e spiegarne la quotidianità. Si parte dall’albergo dopo pranzo e l’itinerario prevede anche altri importanti monumenti della città: la pagoda Sule, la Karaweik Hall, padiglione galleggiante sul lago a forma di uccello e il mercato Bogyoke, conosciuto anche come Scott’s Market (chiuso il lunedì).

3° GIORNO - YANGON > BAGAN
(colazione, pranzo)
Meno di un’ora e mezzo di volo e si arriva a Bagan. Bagan lascia senza fiato: è un luogo magico, dove si percepisce nettamente un’atmosfera carica di profonda religiosità. A partire dall’anno Mille in questa splendida piana adagiata lungo il fiume Irrawaddy sono state costruite migliaia di pagode. Ne restano alcune decine, in un’area di 40 chilometri quadrati, e sono splendide. Si visitano la Shwezigon, la più importante, e la Shwe Gu Gy, quindi i templi Ananda, con numerose statue di Buddha e sculture in pietra, il Manuha, costruito in stile Mon nel 1059, e il Nanpaya che fu il Palazzo del re Manuha. Visita al villaggio Myinkaba e infine, si sale sulla Pagoda Bupaya, una fantastica terrazza sul tramonto che arrossa il fiume Irrawaddy. Istanti che non si dimenticano.

4° GIORNO - BAGAN > MANDALAY
(colazione, pranzo)
Si lascia la piana di Bagan per arrivare in aereo a Mandalay, città ricca di storia e contornata di monasteri. Fra questi si visitano la Pagoda Mahamuni, il monastero Shwe Inbin, il Golden Palace Monastery, un superbo esempio di costruzione tradizionale in legno, e la Kuthodaw Pagoda che custodisce un grande “libro” con 729 pagine scolpite nel marmo. Si prosegue con la visita di interessanti laboratori artigianali prima di salire sulla collina della città da dove si ammira un altro fantastico tramonto.

5° GIORNO - MANDALAY > MINGUN > AMARAPURA
(colazione, pranzo)
L’Irrawaddy è un grande fiume, popolato anche di monaci che nei momenti di relax si stendono sulle tuniche amaranto e prendono il sole. Nulla di non rispettoso. Se ne incontrano mentre si naviga sul fiume per arrivare a Mingun e alla sua campana, la più grande mai costruita, 87 tonnellate, 3 metri e 70 di altezza e 5 di diametro. Splendida la pagoda Hsinbyume, costruita con sette ordini di terrazze che la fanno sembrare un bianco e agitato oceano di calce. Bellissima. Prima di tornare a Mandalay per il pranzo si visita anche il tempio Mingun Paya. Pomeriggio nell’antica città di Amarapura, per visitare il Monastero Bagaya, con un’interessante collezione di statue di Buddha. E poi la particolarità del ponte U-Bein, inaugurato nel 1782, il più lungo mai costruito interamente in legno di teak: misura un chilometro.

6° GIORNO - MANDALAY > HEHO > PINDAYA > LAGO INLE
(colazione,pranzo)
I pescatori remano con i piedi soltanto qui, sul lago Inle, dove si arriva dopo un breve volo da Mandalay a Heho e la visita delle grotte di Pindaya, una località di villeggiatura molto amata dagli inglesi durante la loro presenza in Birmania. Nella grotta di Pindaya si scende diversi metri sotto terra lungo un percorso popolato di statue di Buddha offerte dai pellegrini. In auto fino a Nyaung Shwe e poi in barca fino in albergo, sulle sponde del lago Inle, uno dei panorami più suggestivi di tutto il Sud-Est asiatico.

7° GIORNO - LAGO INLE
(colazione, pranzo)
Una tecnica straordinaria consente ai pescatori dell’Inle di governare i remi delle loro barche con i polpacci per avere le mani libere e utilizzarle per lanciare le reti. Formidabile l’escursione che porta ai giardini galleggianti, alla pagoda Phaungdaw Oo, al villaggio dei tessitori di Impawkhon e, se è giorno di mercato, anche uno dei mercati locali.

8° GIORNO - LAGO INLE > HEHO > YANGON
(colazione, pranzo)
In barca fino a Nyaung Shwe, subito dopo la colazione, e in auto fino all’aeroporto di Heho da dove con un volo domestico si rientra a Yangon. Pranzo e tempo libero, magari per tornare alla Shwedagon e aspettare il tramonto o per fare un altro giro al mercato Bogyoke.

9° GIORNO - YANGON > ITALIA o NGAPALI
(colazione)
Comincia il viaggio di ritorno.
Oppure, per chi ha più tempo a disposizione, estensione mare a Ngapali Beach.
Ngapali è il mare più bello del Myanmar, una lunga e larghissima spiaggia bianca che è teatro di vita quotidiana. E’ la strada più breve, oltre che piacevole, scelta da alcuni bambini per tornare a casa da scuola, frequentata dai monaci, utilizzata anche da rudimentali taxi, carretti trainati da mucche o bufali. Nessun fastidio, anzi, uno spettacolo umano di un Oriente ancora autentico, quello che sarebbe piaciuto a Rudyard Kipling e George Orwell. E che rende indimenticabile questo posto.

dal 10° al 11° giorno - NGAPALI
(colazione)
Giornate libere, per godere della spiaggia, fare shopping nel mercato, rilassarsi nella SPA dell’albergo.

12° GIORNO - NGAPALI > YANGON > ITALIA
(colazione)
Comincia il viaggio di ritorno.

13° GIORNO - ITALIA
Bentornati a casa.


TI POTREBBE INTERESSARE


TRAIL DI 7 GIORNI IN MYANMAR
Yangon > Bagan > Heho > Lago Inle >Indein > Yangon
Yangon a piedi, Bagan in bicicletta ed in calesse, il Lago Inle in barca e i ruscelli in canoa, la scuola elementare, il monastero buddhista.

Partenze giornaliere

LE EMOZIONI DI UN VIAGGIO LONTANO DAI LUOGHI COMUNI, UN'ESPERIENZA DA AUTENTICI VIAGGIATORI. 
Non vacanzieri ma compagni di strada, non autostrade ma sentieri, non automobili ma bici, treno, canoa, fuoristrada 4x4, trekking e tanto altro ancora. Un mondo che riporta alle vere dimensioni dei Paesi, al vero volto delle città, ai veri paesaggi della natura. Un turismo lontano dalle grandi correnti turistiche. Itinerari tra i mille aspetti della geografia, della cultura, della vita quotidiana di un Paese e del suo popolo, per conoscere, capire e non soltanto fotografare.
TUTTO THAILANDIA 1
Bangkok > Chiang Rai > il Triangolo d'Oro > le donne Karen > Chiang Mai > Thailandia mare
La capitale, il nord con le sue antiche tradizioni, il mare fantastico della Thailandia.

Partenze ogni lunedì e sabato, solo il lunedì ad aprile, maggio, giugno, settembre e ottobre.
Guida in italiano.
TUTTO MYANMAR 2
INLE, BUDDHA E IL GRANDE LIBRO
Yangon > Lago Inle > Pindaya > Mandalay > Amarapura > Bagan

Partenze ogni martedì, guida in italiano

OFFERTE IN EVIDENZA

PENSATI PER TE




ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Autorizzo il trattamento dei dati personali ai sensi della L. 196/2003