OLTRE LA FRONTIERA

MYANMAR E THAILANDIA
Yangon > Bagan > Heho > Lago Inle > Mandalay > Amarapura > Mae Sai > Chiang Rai > Il Triangolo D'Oro > Chiang Mai > Bangkok

Partenze ogni mercoledì e venerdì, guida in italiano

1° GIORNO - ITALIA > YANGON
Benvenuti a bordo.

2° GIORNO - YANGON
il fascino della città dalle mille pagode d’oro, una delle più interessanti d’Oriente. La pagoda Sule custodisce duemila anni di storia e di mistero. Il Buddha disteso è una gigantesca statua molto venerata, mentre al mercato Bogyoke si trova di tutto, dalle parrucche finte alle pietre preziose. E poi, la Shwedagon, che svetta sulla città con il suo splendido stupa.

3° GIORNO - YANGON > BAGAN
(colazione)
Bagan è fra i luoghi più suggestivi del mondo, una pianura punteggiata di templi e pagode. La Shwezigon, il tempio di Ananda, il gioiello di Bagan, la Bu Lei Ti Pagoda. Proseguimento per il villaggio di Myinkaba, i templi Gu Byaukgyi, Manuha, Nanbaya, il Museo Archeologico. Spettacolare tramonto sul fiume Ayeyarwaddy.

4° GIORNO - BAGAN > HEHO> LAGO INLE
(colazione)
A bordo d’una lancia, dopo il volo fino ad Heho, si raggiunge l’hotel sul Lago Inle, passando per villaggi Intha, fra giardini galleggianti ancorati al fondo con pali di bambù. I pescatori locali sono gli unici al mondo a remare con una gamba per tenere le mani libere. Visita al Monastero di Nga Hpe Chaung, alla Pagoda Phaung Daw Oo e al villaggio di Inpawkhone.

5° GIORNO - INDEIN > HEHO > MANDALAY
(colazione)
Un’ora di barca fino al villaggio di Indein, uno dei luoghi più suggestivi del lago. In cima ci sono centinaia di piccoli stupa coperti da muschio e verdi cespugli: lo spettacolo è di una struggente bellezza. Trasferimento in barca a Than Shwe Nyaung e via terra a Heho per tornare a Mandalay.

6° GIORNO - AMARAPURA > MANDALAY
(colazione)
Amarapura, significa “città dell’immortalità”. Visita al monastero Mahagandayon e al ponte U Bein, costruito in teak nel 1782. Il tour prosegue in un laboratorio tradizionale di seta e al monastero di Bagaya. Nel pomeriggio, rientro a Mandalay per visitare la pagoda Mahamuni, con il suo Buddha coperto da foglie d’oro, i monasteri In Bin e Golden Palace, la pagoda Kuthodaw, il più grande “libro a cielo aperto” al mondo, con 729 lastre con gli insegnamenti del buddismo. Tramonto a Mandalay Hill.

7° GIORNO - MANDALAY > TACHILEIK > MAE SAI > CHIANG RAI
(colazione, cena)
Mattinata di relax a Mandalay, poi volo per Tachileik. E qui si affronta un’avventura dimenticata, l’attraversamento a piedi di una frontiera. Il ponte dell’Amicizia scavalca i fiumi Mae Sai e Ruak che segnano il confine naturale tra Myanmar e Thailandia. Ormai difficilmente accade di passare via terra fra uno stato e l’altro, in genere si vola: qui si rivive questa esperienza antica ed emozionante, perché fa sentire fisicamente il senso dell’attraversamento. La Thailandia che si incontra dall’altra parte del ponte è Mae Sai. Un altro paese, l’inizio di un nuovo viaggio. Verso Chiang Rai.

8° GIORNO - CHIANG RAI
(cena)
La Thailandia del Nord è dolce e suggestiva. I templi più interessanti di Chiang Rai sono il Wat Phra Keow che ospitò il Buddha di Smeraldo oggi a Bangkok, e il Wat Phra Sing. Divertente giro in risciò e sosta al mercato.

9° GIORNO - CHIANG RAI - IL TRIANGOLO D’ORO
(pensione completa)
E’ il giorno del Triangolo d’Oro, un luogo diventato mitico. E’ dove si incontrano i confini di tre paesi Thailandia, Laos e Myanmar: immancabile e suggestiva foto ricordo con il Mekong che scorre sullo sfondo. Prima di arrivarci, breve tour con il giardino botanico Mae Fah Luang, a 1512 di altezza, e la Villa Reale della regina madre, un incrocio architettonico fra gli chalet svizzeri e il tipico stile Lanna. Un breve tratto di strada fino a Mae Sai, piccolo centro commerciale nel punto più a nord della Thailandia, al confine con il Myanmar: quattro passi al mercato e proseguimento lungo il Mekong fino al Triangolo d’Oro. A fine giornata si arriva a Chiang Saen antica capitale del nord: il tempio Wat Phra Dhat Jom Kitti, con i suoi 383 scalini, e il Wat Jedi Luang con il vicino museo.

10° GIORNO - CHIANG RAI - DONNE KAREN > CHIANG MAI
(pensione completa)
Presto al mattino partenza per Ban Pa Tai, navigazione e visita ad un villaggio Karen, sulle colline vicino al confine con il Myanmar, dove vivono le “donne giraffa”. La tribù dei Padaung, originaria del Myanmar, si stabilì in Thailandia dalla metà degli anni 90. Le donne Padaung sono conosciute per la forma allungata del collo dovuta ai numerosi anelli di metallo che, per tradizione, indossano dall’età di 5/6 anni. La leggenda racconta che il dio del vento si innamorò della femmina di un drago: la corteggiò a lungo, finchè anche lei venne travolta dalla passione e dal loro amore nacque Ari, la prima “donna giraffa”. Una tempesta annunciò il parto e l’arrivo della piccola, avvolta nelle foglie di banana e con i cerchi di ottone al collo. La stirpe cominciò così. Nel pomeriggio si raggiunge a Chiang Mai il tempio Prathat Doi Suthep, da dove la vista è spettacolare.

11° GIORNO - CHIANG MAI
(pensione completa)
Giornata dedicata alla natura: prima la foresta, dove si possono osservare gli elefanti al lavoro e poi una coltivazione di orchidee. Nel pomeriggio sosta al villaggio di Sankamphaeng, famoso per i laboratori di artigianato. In serata cena in un ristorante tradizionale con spettacolo di danze delle tribù di montagna. E’ tipico di questa zona il riso glutinoso, chiamato sticky rice, che si mangia facendo piccole palline da intingere nel sugo piccante nel quale viene cotta la carne. Lo sticky rice è utilizzato anche con i dolci: piace molto insieme al mango.

12° GIORNO - CHIANG MAI > BANGKOK > ITALIA
(colazione)
Partenza per Bangkok. Volo in coincidenza per l’Italia.

13° GIORNO - ITALIA
Bentornati a casa.


TI POTREBBE INTERESSARE


IL TRIANGOLO D'ORO E LE ANTICHE CAPITALI
Bangkok > Chiang Rai > il Triangolo d'Oro > le donne Karen > Chiang Mai > Sukhothai > Ayutthaya > Bangkok
Un programma con guida in italiano in esclusiva per i clienti Mappamondo.

Partenze garantite da Bangkok ogni mercoledì e venerdì, solo il venerdì ad aprile, maggio, giugno, settembre e ottobre.
E' prevista la pensione completa.
TRAIL DI 7 GIORNI IN MYANMAR
Yangon > Bagan > Heho > Lago Inle >Indein > Yangon
Yangon a piedi, Bagan in bicicletta ed in calesse, il Lago Inle in barca e i ruscelli in canoa, la scuola elementare, il monastero buddhista.

Partenze giornaliere

LE EMOZIONI DI UN VIAGGIO LONTANO DAI LUOGHI COMUNI, UN'ESPERIENZA DA AUTENTICI VIAGGIATORI. 
Non vacanzieri ma compagni di strada, non autostrade ma sentieri, non automobili ma bici, treno, canoa, fuoristrada 4x4, trekking e tanto altro ancora. Un mondo che riporta alle vere dimensioni dei Paesi, al vero volto delle città, ai veri paesaggi della natura. Un turismo lontano dalle grandi correnti turistiche. Itinerari tra i mille aspetti della geografia, della cultura, della vita quotidiana di un Paese e del suo popolo, per conoscere, capire e non soltanto fotografare.
BUDDHA E LE SUE MERAVIGLIE
THAILANDIA E CAMBOGIA
Bangkok > Chiang Rai > Triangolo d'Oro >  Chiang Mai > Siem Reap > Angkor Wat 

Partenze ogni lunedì, guida in italiano

OFFERTE IN EVIDENZA

PENSATI PER TE




ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Autorizzo il trattamento dei dati personali ai sensi della L. 196/2003